Le sanzioni economiche all’Italia fascista

Published by paginedistoria on

Le sanzioni economiche del 1935 si riferiscono alle misure restrittive adottate dalla Società delle Nazioni, l’organizzazione internazionale creata con l’obiettivo di promuovere la pace e la cooperazione tra gli Stati, contro l’Italia in risposta all’invasione dell’Etiopia nel 1935-1936. Queste sanzioni includevano embarghi sulle armi e sulle materie prime ma non su quelle di vitale importanza come ad esempio il petrolio e il carbone, di cui il nostro Paese non disponeva. Rimasero in vigore fino al 14 luglio 1936, ma furono criticamente inefficaci nel prevenire l’espansione italiana poiché numerosi Paesi, pur avendone votato l’imposizione, continuarono a mantenere buoni rapporti con l’Italia, rifornendola di beni e materiali. Sulla prima pagina del Corriere della Sera 19 novembre 1935 Giuseppe Bottai scrive: “Dietro il conflitto italo-abissino traspare il problema del compimento dell’indipendenza italiana: il Fascismo si riconferma, anche per questa guisa, prosecuzione storica del Risorgimento. É la Rivoluzione unitaria italiana, arricchita di nuove prospettive economiche-sociali, che riprende il suo corso. Quelle classi politiche inglesi, che hanno insipientemente creduto d’usare del conflitto etiopico come d’un reagente capace di dissociare ‘Fascismo’ da ‘Nazione’, si sono ingannate in modo marchiano”.


Dietro il conflitto italo-abissino traspare il problema del compimento dell’indipendenza italiana: il Fascismo si riconferma, anche per questa guisa, prosecuzione storica del Risorgimento. É la Rivoluzione unitaria italiana, arricchita di nuove prospettive economiche-sociali, che riprende il suo corso. Quelle classi politiche inglesi, che hanno insipientemente creduto d’usare del conflitto etiopico come d’un reagente capace di dissociare ‘Fascismo’ da ‘Nazione’, si sono ingannate in modo marchiano

Giuseppe Bottai – Corriere della Sera martedì 19 novembre 1935


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram @paginedistoria per ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!