L’affondamento del Léon Gambetta

Published by paginedistoria on

27 aprile 1915. Il Léon Gambetta fu un incrociatore corazzato della Marina Nazionale francese, attivo durante la prima guerra mondiale nel settore del mar Adriatico, che fu affondato dal sommergibile austro-ungarico U-5 a sud di Santa Maria di Leuca. La nave si inabissò portando con sé 684 membri dell’equipaggio. Poiché l’Italia era in quel momento ancora neutrale, in ottemperanza alle convenzioni internazionali i soli 137 superstiti del Gambetta furono internati a Siracusa fino al 30 maggio 1915, quando infine furono imbarcati per Malta. Il Corriere della Sera di mercoledì 28 aprile 1915 titola: «L’incrociatore francese “Gambetta”, silurato nel Jonio dagli austriaci». Nell’articolo dedicato a cura della Redazione possiamo leggere: «Il Léon Gambetta si difese energicamente, attaccò a sua volta, ma i suoi fianchi erano stati colpiti dai saluti nemici e la nave, che cominciava a far acqua e a sbandarsi, fu costretta, compiendo uno sforzo supremo, a ritirarsi. Il comandante della nave, vedendo che essa correva pericolo di affondare, tentò di condurla ad arenarsi sulla spiaggia di Leuca, ma non fece in tempo».

Corriere della Sera di mercoledì 28 aprile 1915

«Evidentemente il sommergibile si era appostato nel canale di Otranto attendendo qualche nave francese al varco, perché è noto che la squadra francese incrocia appunto nel canale per impedire il traffico marittimo da e per l’Austria»

Redazione Corriere della Sera


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram@paginedistoriaper ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!