La trasvolata atlantica di Charles Lindbergh

Published by paginedistoria on

21 maggio 1927. L’aviatore statunitense Charles Lindbergh compie la prima trasvolata dell’Oceano Atlantico in solitaria e senza scalo da New York a Parigi. Lindbergh decolla da Roosevelt Airfield, a Long Island, a bordo di uno speciale monomotore, lo Spirit of St. Louis, talmente carico di carburante che fatica a prendere quota. Non porta con sé, né radio, né paracadute. Dopo una trasvolata di 5794 chilometri sopra l’Atlantico, durata 33 ore e 32 minuti e complicata da nebbia e neve, Lindbergh atterra all’aeroporto di Le Bourget di Parigi, dove viene salutato come un eroe e ottiene un premio di 25.000 dollari. Il Corriere della Sera di domenica 22 maggio 1927 titola: «Il volo Nuova York-Parigi compiuto in 32 ore e mezza». Nell’articolo dedicato a cura della Redazione possiamo leggere: «Parigi ha vissuto una giornata di eccitazione febbrile, nell’attesa di segnalazioni dell’audacissimo aviatore americano. Dal momento in cui i giornali hanno annunziato la partenza del “pazzo volante” si è riacceso di colpo nel pubblico l’interesse per l’esito della temeraria impresa».

Corriere della Sera di domenica 22 maggio 1927

«Ed ecco il miracolo. Alle 22.22 un brusio di folla si propaga per tutto il campo. Poco dopo tutti odono un rumore di elica, che rapidamente si fa più distinto»

Redazione Corriere della Sera


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram @paginedistoria per ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!