Il volo orbitale di John Glenn

Published by paginedistoria on

20 febbraio 1962. A bordo di una capsula Mercury denominata “Friendship 7”, l’americano John Hershell Glenn entra negli annali della storia come primo astronauta statunitense ad aver compiuto un volo orbitale intorno alla Terra, rimanendo 4 ore e 55 minuti nello spazio. Glenn ritornò nello spazio, quando il 29 ottobre 1998 stabilì all’età di 77 anni un nuovo primato partecipando, a bordo dello Space Shuttle Discovery, a studi sulla fisiologia dell’uomo in età avanzata e i suoi problemi nello spazio in assenza di gravità. Sul Corriere della Sera di mercoledì 21 febbraio 1962, dall’articolo a tutta pagina del corrispondente Ugo Stille possiamo leggere: «Nel corso del suo volo spaziale il cosmonauta ha sperimentato per tre volte il passaggio del giorno alla notte e dalla notte al giorno, dall’inverno all’estate e dall’estate all’inverno, ha assistito a tre albe e a tre tramonti, ha sorvolato tre oceani e quattro continenti. La durata di ognuno no dei tre giri orbitali é stata di ottantanove minuti. Glenn ha percorso complessivamente centotrentamila chilometri attorno alla terra».

Corriere della Sera di mercoledì 21 febbraio 1962


«So di esprimere la gioia e la riconoscenza di tutti gli americani per l’impresa spaziale portata a compimento con pieno successo dal colonnello Glenn. Coloro che hanno partecipato al progetto Mercury hanno dovuto subire varie delusioni iniziali per i diversi ritardi ma hanno mantenuto la calma e il sangue freddo. I fatti hanno giustificato la loro pazienza e la solidità delle loro decisioni […] Al momento del mio discorso inaugurale ho chiesto ad ogni americano di servire il Paese. Ritengo che oggi il colonnello Glenn abbia servito egregiamente il suo Paese»

John Fitzgerald Kennedy


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram @paginedistoria per ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!