Il secondo Trattato di Rapallo

Published by paginedistoria on

17 aprile 1922. Il secondo Trattato di Rapallo fu un accordo internazionale concluso nella cittadina ligure tra la Germania e la RSFS Russa in base al quale entrambe le potenze rinunciarono a tutte le rivendicazioni territoriali e finanziarie l’una contro l’altra ed aprirono amichevoli relazioni diplomatiche. Per l’URSS significò la fine della politica di isolamento dall’Europa occidentale, mentre la Germania poté avviare il proprio riarmo clandestino con la collaborazione dell’URSS, che a sua volta si avvalse della più avanzata tecnologia tedesca. Il Corriere della Sera di martedì 18 aprile 1922 titola a tutta pagina: «Un colpo di scena alla Conferenza di Genova». Nell’articolo dedicato “Il significato dell’accordo Wirth-Cicerin e le giustificazioni speciose dei tedeschi” a cura di Filippo Sacchi possiamo leggere: « …benché non siano state prese decisioni di nessun genere, si delineò subito fra gli Alleati un atteggiamento concorde che si può definire come segue: deplorazione unanime della mossa tedesca; ferma volontà di neutralizzare le ripercussioni pericolose per l’andamento della Conferenza che ne potrebbero derivare; propositi concordi di fermezza e nello stesso tempo di calma».

Corriere della Sera di martedì 18 aprile 1922

«La bomba del trattato separato fra la Russia e la Germania è scoppiata all’improvviso questa mattina. Nessuno ne sapeva nulla malgrado fosse ben conosciuta la molto amichevole cordialità di rapporti che da tempo russi e tedeschi stavano allacciando fra loro. La Pasqua della Conferenza era passata in una tranquillità che pareva assoluta, resa anche più grigia e monotona da una violenta pioggia»

Filippo Sacchi


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram @paginedistoria per ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!