Affondamento della HMS Prince of Wales e HMS Repulse

Published by paginedistoria on

A poche ore di distanza dall’attacco su Pearl Harbor, la corazzata “HMS Prince of Wales” e l’incrociatore da battaglia “HMS Repulse” venivano affondate al largo di Kuantan, in Malesia, da aerosiluranti e bombardieri giapponesi appartenenti alla 22ª Flottiglia aerea della Marina Imperiale. Le due navi inglesi insieme ad una piccola scorta di cacciatorpediniere facevano parte della flotta denominata “Forza Z” al comando dell’Ammiraglio Thomas Phillips, ed erano state inviate alla base navale di Singapore per rafforzare la presenza inglese in quelle acque. Fu uno degli episodi più disastrosi per gli Alleati all’inizio della seconda guerra mondiale nel Pacifico. Il Corriere della Sera di giovedì 11 dicembre 1941 scrive: «Conclusione di queste vittoriose azioni della Marina e dell’Arma aerea giapponese: una grave e, per molto tempo, irrimediabile diminuzione della potenza navale anglo americana nel Pacifico» […] «Nonostante le apparenze, la strategia nipponica verso gli Stati Uniti è piuttosto difensiva; quella contro l’Inghilterra risolutamente offensiva. All’America il Giappone intende strappare di mano le armi che potrebbero ferirlo, all’Inghilterra invece vuol togliere certe posizioni strategiche per farsene esso altrettanti capisaldi delle future conquiste in quella parte dell’Asia che giustamente esso ritiene suo “spazio vitale”».


«Conclusione di queste vittoriose azioni della Marina e dell’Arma aerea giapponese: una grave e, per molto tempo, irrimediabile diminuzione della potenza navale anglo americana nel Pacifico» […] «Nonostante le apparenze, la strategia nipponica verso gli Stati Uniti è piuttosto difensiva; quella contro l’Inghilterra risolutamente offensiva. All’America il Giappone intende strappare di mano le armi che potrebbero ferirlo, all’Inghilterra invece vuol togliere certe posizioni strategiche per farsene esso altrettanti capisaldi delle future conquiste in quella parte dell’Asia che giustamente esso ritiene suo “spazio vitale”»

Redazione – Corriere della Sera giovedì 11 dicembre 1941


Google (Noto Emoji - Unicode 15.0)

📝 Sentitevi liberi di interagire con i vostri commenti, proposte o considerazioni. Non mancate di scrivermi se conservate anche voi questo giornale o altri importanti quotidiani storici.

👉🏻 Seguimi sulla mia pagina Instagram @paginedistoria per ritrovare questo e molti altri eventi storici e sportivi da rivivere nelle prime pagine dei giornali.

/ 5
Grazie per aver votato!